More stories

  • in

    Giustizia: Giorgetti, per fortuna chiude sempre Draghi

     “Chi ha vinto e chi ha perso sulla riforma della giustizia? Direi un pareggio ma con la vecchia regola del gol in trasferta. Quindi va bene così”. Lo ha detto al Giffoni Film Festival il ministro per lo Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti in merito all’approvazione della riforma della Giustizia. “Supporto fondamentale? No, penso che di fondamentale c’è solo Mario Draghi. Alla fine la chiude sempre lui. E per fortuna che è così”.   

  • in

    Alto Adige: sondaggio Swz-Apollis, Kompatscher stacca tutti

    (ANSA) – BOLZANO, 30 LUG – Il governatore Arno Kompatscher è,
    con grande distacco, il politico altoatesino con il tasso di
    simpatia più alto. Lo rivela un sondaggio dell’istututo Apollis,
    pubblicato dalla Suedtiroler Wirtschaftszeitung. Il presidente
    della Provincia di Bolzano è infatti in prima posizione con un
    tasso del 2,0, seguito dal vice presidente ladino Daniel
    Alfreider (1,0). Si dividono il gradino più basso del podio
    l’assessora Waltraud Deeg (0,9) e il consigliere provinciale del
    Pd Sandro Repetto, primo dei politici di lingua italiana e primo
    rappresentante non Svp. Seguono con un tasso dello 0,8
    l’assessore leghista Massimo Bessone, la consigliera verde
    Brigitta Foppa e l’assessora Svp Maria Hochgruber Kuenzer. Paul
    Koellensperger, alle provinciali del 2018 ancora terzo con
    30.000 preferenze, ora si ferma in 13/a posizione, anche se tra
    gli under 30 si conferma terzo. Kompatscher e Alfreider guidano
    la classifica anche tra le donne intervistate. Per il sondaggio
    sono stati interpellati complessivamente 1.001 altoatesini.   
    (ANSA).   

  • in

    PA: Senato, ok al decreto legge, passa alla Camera

    (ANSA) – ROMA, 30 LUG – Via libera dell’Aula del Senato al
    decreto legge relativo al rafforzamento delle pubbliche
    amministrazioni e sull’efficienza della giustizia, su cui il
    governo a Palazzo Madama ha posto la questione di fiducia. I
    voti a favore sono stati 168, 9 i contrari. Il testo, che scade
    l’8 agosto, passa ora alla Camera. Il dl sulla pubblica
    amministrazione prevede la creazione di oltre 24 mila posti di
    lavoro nella Pubblica amministrazione, oltre 16 mila per
    garantire una maggiore efficienza della giustizia. (ANSA).   

  • in

    Scuola: ok dal Cdm all'assunzione di 112.473 docenti

    Il Consiglio dei ministri, su proposta del ministro per la pubblica amministrazione Renato Brunetta e del ministro dell’economia e delle finanze Daniele Franco, ha approvato l’autorizzazione al Ministero dell’istruzione ad assumere, a tempo indeterminato, sui posti effettivamente vacanti e disponibili, per l’anno scolastico 2021/2022 un numero pari a 112.473 unità di personale docente. Lo si legge nel comunicato stampa del Consiglio dei ministri.    

  • in

    Draghi al G20, sostegno a cultura cruciale per la ripartenza

    (ANSA) – ROMA, 29 LUG – “Il sostegno alla cultura è cruciale
    per la ripartenza del Paese”. Lo ha detto il premier Mario
    Draghi nel suo intervento al Colosseo al G20 della Cultura.   
    Aprendo prima ministeriale della Cultura nella storia del G20,
    il premier si è detto “molto orgoglioso che questo debutto
    avvenga in Italia. Storia e bellezza sono parti integranti
    dell’essere italiani. Quando il mondo ci guarda, vede prima di
    tutto arte, musica e letteratura. Voglio quindi ringraziare chi
    lavora nei nostri teatri, nelle nostre biblioteche e nei nostri
    musei. Perché la riscoperta del passato è condizione necessaria
    per la creazione del futuro”.   
    Draghi ha ricordato che “il settore dei viaggi e del turismo
    vale il 13% del prodotto interno lordo e impiega in maniera
    diretta o indiretta tre milioni e mezzo di persone. Nel Piano
    Nazionale di Ripresa e Resilienza approvato dall’Unione Europea,
    investiamo in queste attività quasi 7 miliardi di euro”.   
    La tutela del patrimonio, ha sottolineato, “richiede anche
    maggiore sostenibilità ambientale. In Italia, più di dieci siti
    Patrimonio dell’Umanità sono in pericolo per l’innalzamento del
    livello del mare. Il rischio di alluvioni minaccia tra il 15 e
    il 20% dei beni culturali del nostro Paese. Dobbiamo agire
    subito, perché le generazioni di domani possano godere dei
    tesori che noi ammiriamo oggi”. Un impegno che passa per scelte
    coraggiose come lo stop al passaggio delle grandi navi davanti
    alla Basilica di San Marco e nel canale della Giudecca e le
    misure di sostegno alle categorie più colpite. (ANSA).   

  • in

    Giustizia: accordo in Cdm su riforma, c'è ok M5s

    Via libera del Consiglio dei ministri alla proposta di mediazione sulla riforma del processo penale. A quanto si apprende, c’è il via libera anche del M5s.
    Tempi più lunghi, fino a sei anni in appello, per i processi per delitti con aggravante mafiosa, nella fase transitoria di entrata in vigore della nuova prescrizione, fino al 2024. E’ la mediazione passata in Consiglio dei ministri. La proposta, frutto di una mediazione del Pd con il ministro Orlando, avrebbe assorbito i dubbi del M5s sull’improcedibilità per l’articolo 416 bis.1 del codice penale, sull’aggravante mafiosa. Una deroga esplicita per quei reati ci sarebbe nella fase transitoria, con la possibilità di termini fino a 5 anni a regime.
    Cartabia, la maggioranza ritirerà gli emendamenti – C’è “l’impegno a ritirare tutti gli emendamenti presentati dalle forze di maggioranza con l’obiettivo di concludere nei prossimi giorni” l’approvazione della riforma. Lo dice il ministro Marta Cartabia parlando fuori da Palazzo Chigi dopo il Cdm.
    Cartabia: ‘Ora giustizia celere, nessun processo andrà in fumo’ – “Abbiamo apportato degli aggiustamenti, come annunciato la scorsa settimana con Draghi, alla luce del dibattito molto vivace che si è sviluppato in queste settimane sia da parte delle forze politiche che degli operatori e degli uffici giudiziari che saranno i primi ad essere chiamati alla grande sfida di implementare una riforma così significativa e innovativa nel nostro Paese”. Lo dice il ministro della Giustizia Marta Cartabia all’uscita da Palazzo Chigi dopo il Cdm. “L’obiettivo è garantire una giustizia celere, nel rispetto della ragionevole durata del processo, e allo stesso tempo garantire che nessun processo vada in fumo”.
    Cartabia, ok convinto di tutti, ora si accelera – “E’ una giornata importante: lunghe riflessioni per arrivare a un’approvazione all’unanimità con convinzione da parte di tutte le forze politiche. Ora c’è l’obiettivo di accelerare il più possibile per concludere se possibile prima della pausa estiva questa importantissima riforma”. Lo dice il ministro della Giustizia Marta Cartabia al termine del Cdm.
    Conte, rammarico per opposizione Lega su processi mafia – “Devo dire che sono molto rammaricato perché dalla Lega c’è stata una durissima opposizione” all’allungamento dei tempi di prescrizione “per i processi per mafia”. Lo dice Giuseppe Conte ai cronisti.
    Letta, Cartabia giusto equilibrio senza impunità  – “Riforma della giustizia che si avvicina all’Europa e fa compiere grandi avanzamenti in termini di modernità ed efficacia. Cartabia ha trovato il giusto equilibrio per superare la riforma precedente senza scadere nell”impunità. Ci siamo spesi per l’accordo. Ne siamo contenti”. A dirlo in un tweet, Enrico Letta.
    Lega,ok processi mafia, droga, stupro, bene così  – “Soddisfazione per la riforma della Giustizia: come chiesto dalla Lega, non rischieranno di andare in fumo i processi per mafia, traffico di droga e violenza sessuale. E ora avanti tutta con i referendum che completeranno il profondo cambiamento chiesto dai cittadini”. Lo dicono Matteo Salvini e Giulia Bongiorno.

  • in

    Fauci: 'I vaccinati possono contrarre la Delta e contagiare'

    “La variante Delta del coronavirus può contagiare anche le persone che sono state vaccinate e queste possono a loro volta trasmettere il virus ad altri”. Sono le parole che il dottor Anthony Fauci, il super consigliere della Casa Bianca sulla pandemia di Covid, ha detto in un’intervista alla Msnbc e che il quotidiano Il Fatto stamattina ha riportato scatenando un dibattito sui social media tra i no-vax e chi invece è favorevole alla vaccinazione.    Fauci è stato interpellato sulle nuove linee guida del Centro americano per il controllo delle malattie che, due giorni fa, ha reimposto l’obbligo di mascherina al chiuso anche per i vaccinati. “Nessun vaccino è efficace al 100%, perché il virus è cambiato”, spiega lo scienziato americano ribadendo che “la variante Delta ha cambiato totalmente lo scenario”. “I dati sulla mutazione che abbiamo a disposizione oggi mostrano che il livello di infezione nelle mucose in una persona vaccinata è lo stesso di quello in una persona non vaccinata”, prosegue Fauci, aggiungendo però che in chi è vaccinato il rischio che la malattia si manifesti in forma grave è più basso. “E’ estremamente raro che una persona vaccinata, se pur contagiata, finisca in ospedale”.    Per questo, è l’appello più volte ribadito in questi mesi dall’immunologo consigliere della Casa Bianca, “è necessario che la maggioranza delle persone in questo Paese si vaccini. Ci sono 100 milioni di persone negli Stati Uniti che non sono ancora state vaccinate”. “La variante Delta è qui. Se arriviamo all′85-90% di popolazione vaccinata, la variante Delta non avrebbe molti posti in cui andare e alla fine sparirebbe”, ha spiegato ancora Fauci in un’altra intervista alla stessa rete.    “La gente non si rende conto di una cosa: finché c’è circolazione elevata del virus tra le persone non vaccinate, diamo al virus la chance di variare ancora di più e rischiamo una variante peggiore della Delta, una variante che nemmeno i vaccinati potrebbero gestire”.     

  • in

    Primo addio nel nuovo M5S, lascia la senatrice Botto

       Primo addio nel M5S dell’era Conte. A lasciare, a Palazzo Madama è la senatrice ligure Elena Botto, che passa al Misto. “Questo è un post difficile, un post di addio. Me ne vado dal Movimento 5 Stelle che, ormai da troppo tempo, non è più la mia casa politica. Ho atteso, ho sopportato e ho provato, ma non ha senso continuare a vivere nella speranza di miglioramenti che non vedo”, scrive su Fb Botto. E la senatrice aggiunge: “Nella politica il compromesso, la mediazione, hanno un valore positivo e persino nobile se sono al rialzo, non al ribasso. Nel tempo ci sono stati troppi ribassi”.